Rohani: Iran respinge l'intervento militare straniero in Siria


yasaman.hashemi20130624050033670"La politica della Repubblica Islamica dell'Iran è quella di aiutare le nazioni e governi regionali, e non credo che i problemi nella regione, in particolare in Siria, possono essere risolti militarmente, ma ci sforziamo per aiutare a stabilire un cessate il fuoco in Siria e per prevenire ulteriori omicidi ", Rohani ha detto in una conversazione telefonica con il presidente libanese Michel Sleiman Domenica.

Rohani ha respinto ogni ingerenza straniera in Siria, sottolineando che la nazione siriana deve determinare il proprio destino.

Il presidente libanese, da parte sua, si è congratulato Rohani  per la vittoria assoluta ottenuta in 11 elezioni presidenziali in Iran e ha elogiato le sue posizioni "promettenti" su diverse questioni.

Rohani uscito vittorioso dalle elezioni presidenziali del 14 giugno, caratterizzate da una elevata affluenza alle urne, vincendo 50,7 per cento su un totale di 36.704.156 schede scrutinate.

Inoltre Domenica, Rohani ha incontrato il ministro degli Esteri libanese Adnan Mansour presso il Centro di Expediency Consiglio iraniano per la ricerca strategica, dove si è discusso dei rapporti bilaterali e degli sviluppi regionali.

Per quanto riguarda i vari accordi e protocolli tra Teheran e Beirut in vari settori economici, culturali e commerciali, entrambe le parti hanno sottolineato l'espansione dei legami reciproci, così Mansour ha detto ai giornalisti dopo la riunione.

Commentando la questione siriana, ha detto che l'Iran e il Libano hanno un’identità  di vedute rispetto all’esigenza di arrestare la fornitura di armi ai militanti in Siria, stabilendo la sicurezza nel paese e risolvendo la crisi in modo pacifico e con mezzi diplomatici.

I disordini in Siria sono scoppiati più di due anni fa, e molte persone, tra cui un gran numero di soldati siriani e personale di sicurezza, è rimasta vittima delle violenze.

fonte Press tv




Add new comment

11 + 2 =